Cancelli Torino: 366.8720858

VISITA LA NUOVA SEZIONE NEWS DI QUESTA PAGINA

Fabbro Cancelli Torino: 366.8720858
Ti sei mai ritrovato con un cancello automatico bloccato o col motore da sostituire? Spesso può capitare di dover effettuare alcune operazioni di manutenzione del proprio cancello automatico o scorrevole oppure di dover cambiare la serratura. I nostri tecnici specializzati sapranno risolvere il tuo problema in poco tempo e a prezzi ragionevoli.

Per fortuna puoi chiamare noi di fabbro-torino-24ore.com al 366.8720858, al tuo servizio a torino e Provincia 24 ore su 24, 365 giorni all'anno!
I nostri fabbri specializzati ti offriranno la massima qualità del servizio e dei prodotti ai prezzi più vantaggiosi, provare per credere!

Effettuiamo lavori su:Fabbro Cancelli Torino: 366.8720858
- realizzazione cancelli
- cancelli in ferro
- cancelli in ferro su misura
- cancelli in ferro moderni
- riparazione cancelli in ferro
- cancelli automatici
- automatismi per cancelli
- cancelli a libro
- cancelli scorrevoli
- cancelli scorrevoli automatici
- motori per cancelli
- automazione cancelli
- motorizzazione cancelli
- cancelli a battente
- portoni automatici
- assistenza cancelli FAAC
- assistenza cancelli CAME
- assistenza cancelli LINCE
- assistenza cancelli APRIMATIC
- assistenza cancelli FADINI
- assistenza cancelli DITEC
- assistenza cancelli NICE
- assistenza cancelli BFT
- assistenza cancelli OLMIGROUP
- assistenza cancelli CIESSE SERVICE
- assistenza cancelli TAU
- assistenza cancelli SEA
- assistenza cancelli BALCONI

 

NEWS FABBRO CANCELLI TORINO:

 

1 ottobre 2015

Garantire sicurezza con la manutenzione dei cancelli elettrici

Manutenzione cancelli elettrici Torino: 366.8720858I cancelli con dispositivi di apertura e chiusura elettronica rappresentano una realtà diffusa nella maggior parte delle abitazioni private e dei condomini. Nonostante ciò, questa tipologia di impianti necessita di una costante manutenzione. Un fattore che molti utenti non considerano è l'elevato livello di pericolosità legato a questa tipologia di impianti. È emerso che gli incidenti causati da malfunzionamento di cancelli vedono protagonisti specie i bambini e sono dovuti a problemi di natura meccanica; il fenomeno riguarda sia gli spazi domestici sia l'ambiente di lavoro; la manutenzione porte e cancelli automatici in forma preventiva riduce drasticamente la percentuale di guasti.

La sicurezza del cancello o della porta automatica non è una scelta, bensì un dovere che rientra tra le responsabilità di gestione di un immobile da parte del proprietario o dell'amministratore se in contesto condominiale, che deve rispondere in prima persona in caso di incidente o malfunzionamento. Le norme e direttive da tenere in considerazione sono:

- la Norma UNI EN 12341-1, la quale ritiene che i requisiti di sicurezza devono essere rispettati dal costruttore di cancelli in fase di progettazione
- le Norme UNI EN 12453 e UNI EN 12445 che stabiliscono i requisiti di sicurezza e i metodi di prova da rispettare durante l'installazione
- la Direttiva Prodotti da Costruzione (CPD) del 2005, successivamente sostituita dal Regolamento Prodotti da Costruzione (CPR) nel 2013, che obbliga il costruttore di chiusure automatiche ad apporre la marcatura CE sull'impianto.

Per questo, una volta messo in opera e collaudato, il cancello deve essere associato da un fascicolo contenente:

- dichiarazione di conformità dell'impianto
- elenco e conformità della componentistica
- disegno dell'impianto automatizzato
- schema elettrico
- libretto di installazione
- targa con marcatura CE
- registro di istruzioni per la manutenzione ordinaria.

Quest'ultimo è uno dei documenti essenziali in quanto include i provvedimenti a cui far fede affinché i requisiti di sicurezza perdurino il più a lungo possibile.

 

27 agosto 2015

Certificato di conformità degli impianti

Certificazione impianti di automazione cancelli a Torino: 366.8720858Cos'è il certificato o la dichiarazione di conformità di un impianto? Chi è tenuto a rilasciarlo e in quali casi tale documentazione è obbligatoria? Queste sono alcune delle domande a cui spesso gli utenti non sono in grado di rispondere, a causa della poca informazione. La dichiarazione di conformità di un impianto è il documento, consegnato dal tecnico installatore dello stesso, con il quale si attesta la sua conformità alle norme vigenti e alle specifiche tecniche richieste. Tale documento venne creato inizialmente con la legge n. 46 del 1990, ormai sostituita dal Decreto Ministeriale n. 37 del 22 gennaio 2008, originato con l'intento di riordinare in un solo provvedimento legislativo le norme vigenti relative alla sicurezza degli impianti.
Lo scopo è stato anche quello di garantire la sicurezza e l'incolumità pubblica, evitando specie gli incidenti domestici causati dal mal funzionamento degli impianti. L'impresa installatrice deve consegnare il certificato di conformità, al termine dei lavori di installazione di un impianto di qualsiasi tipo o del suo integrale rifacimento. Per gli impianti eseguiti prima dell'entrata in vigore della legge, o per i casi nei quali non sia possibile rintracciare la dichiarazione di conformità, invece, il decreto 37/08 ha emesso la Dichiarazione di Rispondenza, che deve essere compilata a cura di uno dei soggetti previsti dall'art. 7 comma 6 del DM 37/08. La dichiarazione di conformità è obbligatoria per tutti i tipi di immobili, quindi anche per le civili abitazioni, e per tutti i tipi di impianti, come:

- impianti elettrici;
- impianti di protezione dalle scariche atmosferiche;
- impianti di automazione di porte e cancelli;
- impianti radiotelevisivi;
- impianti di riscaldamento, condizionamento e climatizzazione;
- impianti idro-sanitari;
- impianti gas;
- impianti di sollevamento (ascensori, montacarichi, scale mobili e simili);
- impianti di protezione antincendio.

Vediamo che il certificato viene steso sulla base di un modello pubblicato in allegato al D. M. 37/08.
Il modello è stato poi variato con la pubblicazione del Decreto 19 maggio 2010 Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. Per la Dichiarazione di rispondenza, al contrario, non è previsto un modulo uniformato, ma nella pratica l'installatore dovrà stilare una relazione tecnica in cui si attesti la perfetta esecuzione dell'impianto. La dichiarazione di conformità di un impianto deve presentare dei dati obbligatori, così come da modello approvato dal Ministero del Lavoro, come il tipo di impianto, i dati del responsabile tecnico dell'impresa, del committente e del proprietario dell'immobile, i dati relativi all'ubicazione dell'impianto, i materiali impiegati e la rispondenza alle norme vigenti. Il certificato deve possedere una serie di allegati, la cui assenza ne determina la nullità, che sono:

- il progetto dell'impianto, necessario esclusivamente per immobili con precise caratteristiche dimensionali;
- lo schema di impianto;
- la relazione tipologica;
- il certificato di iscrizione alla Camera di Commercio della ditta.

La Dichiarazione di conformità deve essere compilata in molteplici copie, che devono essere affidate all'utilizzatore dell'impianto e al committente, due delle copie vanno firmate dal committente per ricevuta, e una di esse deve essere esibita dall'installatore allo Sportello Unico dell'Edilizia del comune in cui è collocato l'impianto.

 

9 ottobre 2014

Cancelli ad alzata verticale

Cancelli ad alzata verticale Torino: 366.8720858Oltre alla vostra abitazione un altro ambiente di cui dovrete senz'altro occuparvi, per quanto concerne la sua sicurezza e manutenzione, è il garage. Utile per salvaguardare la vostra auto e non solo, uno degli elementi più importanti del garage è indubbiamente il cancello, che sia automatico, manuale, scorrevole questo dipende dalle vostre esigenze, ma essenziale è che vi garantisca sicurezza ed efficienza in tutte le sue forme. Generalmente se si pensa ad un cancello automatico, è scontata l'associazione con un cancello ad apertura scorrevole o ad ante, perché queste sono le soluzioni di chiusura solitamente impiegate. Prima di optare per una tipologia di cancello piuttosto che per un'altra, urge però considerare una serie di fattori del garage, tipo la presenza di dislivelli del terreno o vincoli architettonici. Se poi, per giunta si ha a che fare con il traffico di mezzi pesanti, a lungo andare questi possono danneggiare le guide a terra del meccanismo scorrevole. Una valida soluzione al problema può rivelarsi l'installazione di un cancello ad alzata verticale. Sono stati ideati tali cancelli proprio per quanto concerne l'ambito industriale e per i problemi connessi al viabilità di grandi autocarri, ma poi è stata creata in seguito anche una linea ideale per l'uso residenziale. I pannelli dei cancelli ad alzata verticale, si presentano alquanto massicci perché prodotti con una robusta struttura di acciaio zincato. Molta varietà rintracciamo nella gamma delle misure, che vanno da 3 a 20 m, e l'aspetto elegante può essere personalizzato secondo il vostro gusto personale. Gli interventi murari sono ridotti al minimo, richiedendo solo la realizzazione di un paio di scavi per i plinti di ciascuna colonna, con l'annegamento nel cemento di una piastra di ancoraggio. Per installare i cancelli per il garage ad alzata verticale potete contattare la nostra azienda, fabbri dall'esperienza decennale monteranno in tempi celeri il cancello presso il vostro garage, contattateci.

 

19 giugno 2014

Cancelli ad alzata verticale: soluzione specifica per particolari esigenze

Cancelli ad alzata verticale Torino: 366.8720858Nell'immaginare ad un cancello automatico che potrebbe proteggere la nostra abitazione, nell'immediato si staglia nella nostra mente l'idea di un cancello ad apertura scorrevole o ad ante, in quanto esse si presentano come le soluzioni di chiusura che di consueto vengono impiegate. Tuttavia accade talvolta che l'impianto di apertura di una barriera può generare problematiche circa la disponibilità dello spazio o riguardo la funzionalità, se magari, si rilevano dislivelli del terreno o limiti architettonici. Inoltre non si deve tralasciare l'eventualità del frequente transito di mezzi pesanti, che nel tempo possono determinare danni alle guide a terra del meccanismo scorrevole, del cancello automatico. A tal proposito una soluzione potrebbe essere rappresentata dall'installazione di un cancello ad alzata verticale. Tale tipologia di cancelli è stata prettamente ideata, inizialmente, per l'ambito industriale e per i disagi riguardanti il andirivieni di grandi autocarri, ma poi si è rivelata essere un'idea geniale anche in relazione all'utilizzo residenziale. Tali cancelli ad alzata verticale sono presenti sul settore in vari modelli, progettati secondo un design all'avanguardia, e notevole è soprattutto la loro struttura realizzata in acciaio zincato ad elevata resistenza, ed azionate tramite un meccanismo oleodinamico. Notevole è la gamma delle misure, che vanno da 3 a 20 metri, inoltre l'aspetto raffinato può essere personalizzato con decori ed essere realizzato con un colore che di più aggrada al cliente. Gli interventi murari fondamentali per installare il cancello sono minimi, necessitano della esecuzione di un paio di scavi per i plinti di ciascuna colonna, mediante l'inserimento nel cemento di una piastra di fissaggio. Inoltre in aggiunta si possono montare vari sistemi di automazione e anche degli accessori, disponibili dai rivenditori autorizzati. La sicurezza è garantita dalle normative vigenti. Per montare i cancelli ad alzata verticale potete rivolgervi presso la nostra azienda, che recherà presso la vostra abitazione tecnici specializzati nel settore.